Riflessioni per un turismo scolastico slow

Nel febbraio scorso il MIBACT ha decretato il 2017 “l’Anno dei Borghi d’Italia”. In linea con il Piano Strategico del Turismo 2017-2022, la valorizzazione dei borghi italiani punta ad offrire un’esperienza turistica “slow”, più sostenibile e autentica, ampliando l’offerta turistica, valorizzando nuove mete, migliorando la competitività e creando nuova occupazione.

In quest’ottica è nato Borghi – Viaggio Italiano un progetto di valorizzazione nazionale realizzato nell’ambito dei progetti interregionali di sviluppo turistico DPR 158/07 finanziati dal MIBACT, al quale hanno aderito 18 Regioni, di cui l’Emilia Romagna capofila, e oltre 1.000 Comuni su tutto il territorio nazionale.

Dopo la mostra “Borghi Viaggio italiano. Ai confini della meraviglia”, tenutasi dal 6 maggio al 9 giugno 2017 a Roma presso il Museo Nazionale Romano – Terme di Diocleziano, il progetto ha realizzato “PassaBorgo” un’app scaricabile con la quale, fino al 30 settembre 2017, sarà possibile viaggiare con questo “passaporto del viaggiatore”: attraverso l’applicazione si potranno collezionare i “timbri” di oltre 200 borghi di interesse artistico-culturale messi in rete tra loro.

Il MIBACT sta lavorando altresì a un protocollo d’intesa con il MIUR e l’Anci per incentivare le gite scolastiche in queste località meno conosciute del nostro territorio ma ricche di storia, cultura e tradizioni, al fine di far conoscere ai giovani la grande ricchezza del patrimonio italiano e sensibilizzare e informare le istituzioni scolastiche  su possibili e più che valide alternative alle mete estere o ai percorsi turistici più gettonati.

[SM]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *